Archivi tag: guerra

Le formiche e l’uovo

Le formiche e l'uovo Book Cover Le formiche e l'uovo
Eric Battut
Bohem

Tre formiche nere stanno raccogliendo le provviste per l’inverno e trovano un uovo, un grande uovo fresco. Subito dopo arrivano tre formiche rosse, anche loro stanno raccogliendo le provviste per l’inverno e anche loro vorrebbero quell’uovo. Inizia così un tira e molla senza fine. Ma di chi sarà l’uovo? Le formiche lo scopriranno presto quando l’uovo si schiuderà e balzerà fuori un grande uccello “mangia formiche” affamato. Solo unendo le forze riusciranno a sconfiggerlo
e a mettersi in salvo.

Tre formiche nere stanno raccogliendo le provviste per l’inverno e trovano un uovo, un grande uovo fresco. Subito dopo arrivano tre formiche rosse, anche loro stanno raccogliendo le provviste per l’inverno e anche loro vorrebbero quell’uovo. Inizia così un tira e molla senza fine. Ma di chi sarà l’uovo? Le formiche lo scopriranno presto quando l’uovo si schiuderà e balzerà fuori un grande uccello “mangia formiche” affamato. Solo unendo le forze riusciranno a sconfiggerlo
e a mettersi in salvo.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Otto

Otto Book Cover Otto
Tomi Ungerer
Mondadori

Questa è la storia dell'orsetto Otto e di due bambini: tre compagni di gioco inseparabili che solo una stella gialla cucita sul petto e la crudeltà della guerra riuscì a dividere. Ma non per sempre, perché un giocattolo amato non si abbandona mai davvero. Per fortuna Otto ha imparato a scrivere a macchina e può raccontare la sua storia di amicizia perduta e ritrovata, perché in un'imbottitura c'è spazio per tantissimi ricordi...

Questa è la storia dell’orsetto Otto e di due bambini: tre compagni di gioco inseparabili che solo una stella gialla cucita sul petto e la crudeltà della guerra riuscì a dividere. Ma non per sempre, perché un giocattolo amato non si abbandona mai davvero. Per fortuna Otto ha imparato a scrivere a macchina e può raccontare la sua storia di amicizia perduta e ritrovata, perché in un’imbottitura c’è spazio per tantissimi ricordi…

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Troppo rumore

Troppo rumore Book Cover Troppo rumore
Max Velthuijs
AER

Si sa, nessuno sopporta i vicini di casa troppo rumorosi ed Elefante non fa eccezione a questa regola. Dopo essersi recato da quel bravo medico che è Capra diventa trombettista per sopportare le ininterrotte note del suo vicino Coccodrillo che suona il violino e non smette più di esercitarsi. Così i due si tormentano a vicenda a colpi di suoni e rumori fino a fare cadere il muro che separa le loro case! Sarà proprio la musica e l'arte a riunirli e insieme metteranno su un duetto che diventerà famoso. Illustrazioni vivaci e spiritose e un testo breve e chiaro ci parlano con semplicità di libertà, tolleranza, guerra e amicizia.

Si sa, nessuno sopporta i vicini di casa troppo rumorosi ed Elefante non fa eccezione a questa regola. Dopo essersi recato da quel bravo medico che è Capra diventa trombettista per sopportare le ininterrotte note del suo vicino Coccodrillo che suona il violino e non smette più di esercitarsi. Così i due si tormentano a vicenda a colpi di suoni e rumori fino a fare cadere il muro che separa le loro case! Sarà proprio la musica e l’arte a riunirli e insieme metteranno su un duetto che diventerà famoso. Illustrazioni vivaci e spiritose e un testo breve e chiaro ci parlano con semplicità di libertà, tolleranza, guerra e amicizia.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Flon Flon e Musetta

Flon Flon e Musetta Book Cover Flon Flon e Musetta
Elzbieta
AER 1995

Flon-Flon e Musetta sono amici e giocano sempre insieme fino al giorno in cui scoppia la guerra e non possono vedersi più perchè Musetta "sta dall'altra parte della guerra". Un libro che, con poche parole, riesce a mettere davanti ai nostri occhi l'assurdità delle guerre e dei conflitti razziali e l'impossibilità di capirne il perchè.

Flon Flon e Musetta sono amici e giocano sempre insieme fino al giorno in cui scoppia la guerra e non possono vedersi più perchè Musetta “sta dall’altra parte della guerra”. Un libro che, con poche parole, riesce a mettere davanti ai nostri occhi l’assurdità delle guerre e dei conflitti razziali e l’impossibilità di capirne il perchè.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
mondo nuovo

Credere in un mondo nuovo – Bisognerà

Bisognerà Book Cover Bisognerà
Thierry Lenain e Olivier Tallec
Lapis

Il Sabato santo, vigilia della Pasqua dei cristiani, mi piace passarlo in silenzio, da solo (per quanto è possibile) a leggere, pensare, meditare, pregare.
Quest’anno per di più, fra 4 giorni, il 25 Aprile, ci sarà il grande evento Arena di Pace a Verona.
Ogni anno, questo giorno, leggo vecchi libri di teologi e filosofi francesi come Francois Varillon, Michel De Certaux, Jean Delumeau.
Sempre quelli, sempre le stesse pagine.
Da quarant’anni.
Amo la libertà, il coraggio, la curiosità, la profondità e il cuore di questi pensatori francesi. Mi hanno spiegato cosa significa che Dio è Amore e come diventare Uomo.
Oggi, a queste letture ne ho affiancata un’altra … molto diversa, ma che non ha nulla da invidiare a questi grandi pensatori. Uno di loro, Francois Varillon dice:

“La nostra umanità passa attraverso l’umanità degli altri, la nostra libertà passa attraverso la liberazione degli altri. Non si diventa da soli uomini liberi, non è proprio possibile. Si diventa uomo libero quando si opera alla liberazione dei propri fratelli. Si diventa più uomo lavorando perché il mondo sia più umano”
(Francois Varillon, Gioia di credere gioia di vivere, EDB)

Questo libro ci parla proprio di questo: si diventa più uomo e più donna lavorando perché il mondo sia più umano.

Il libro è: Bisognerà di Thierry Lenain, illustrato da Olivier Tallec, Lapis

Ho visto che è stato proposto sopratutto per Natale, ma io invece lo trovo perfetto per Pasqua.

Già la bellissima copertina, che illustra l’isola fiorita da cui il bimbo guarda il mondo ci parla di Primavera.
Poi la storia: un passaggio (Pasqua) dal grembo materno, protettivo, sicuro, ma limitante e isolante, al mondo intero paurosamente insicuro, tremendamente affascinante, tristemente disumano, potenzialmente divino.
Sono tutti immagini che mi dicono: nonostante tutto ne vale la pena. Di vivere.
Di sognare un mondo nuovo, diverso, migliore, più umano.
Di impegnarsi ogni giorno perché sia più umano, costruendo e mantenendo relazioni umanizzanti con le altre persone.

E aggiungo: vale la pena dire, raccontare, leggere queste cose ai propri figli.  Per esempio attraverso un libro dalla semplice e chiara saggezza come questo.

“… Forse un giorno impareremo gli abbracci, a non avere paura dei baci, disse tra sé“.

Già … l’essenziale è invisibile agli occhi.
Ed è per questo che scegliamo di vivere.

Buona Pasqua

vi consiglio questo video in francese:se non conoscente la lingua vi toccherà il cuore, se la conoscete vi commuoverà.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)