Archivi tag: papà

Padre

La tenerezza di un padre – Lo stralisco

Lo Stralisco Book Cover Lo Stralisco
Roberto Piumini
Einaudi Ragazzi

C’è un argomento che mi sta molto a cuore, come uomo un tutte le sue declinazioni (figlio, fratello, marito e padre) ed è la Tenerezza.

Credo che questa sia la chiave per diventare pienamente uomo (nel senso non solo di “essere umano” ma proprio di maschio) rifiutando e smascherando nello stesso tempo tutti gli stereotipi tipici di una società latina ed emotivamente analfabeta come la nostra che propone ancora uomini “machi”, anafettivi, potenti e vincenti, indifferenti se non addirittura sprezzanti della cultura, e che “tollera” ( e talvolta anche giustifica) prepotenza e violenza come “effetti collaterali”.

C’è un modo tutto maschile di vivere ed esprimere la tenerezza e lo troviamo in questo strafamoso classico per ragazzi (ma siamo sicuri che sia solo per ragazzi?)

Lo Stralisco di Roberto Piumini, Einaudi Ragazzi

Questa storia ci mostra la figura di un padre, Ganuan, che da un lato è un uomo di autorità e potere, signore della terra di Nactumal, e dall’altro è capace di un amore tenero, umile, rispettoso, delicato per il proprio figlio Madurer, gravemente ammalato di una malattia sconosciuta e incurabile.
Capace di un amore talmente grande da accettare anche di farsi da parte e di chiedere aiuto ad un altro uomo, il pittore Sakumat, altra splendida figura di uomo adulto.
Nel loro primo incontro Sakumat rivolge due domande a Ganuan riguardo a suo figlio, alla sua malattia e alla sua situazione. Ganuan non dà nessuna risposta a Sakumat  ma lo invita a vedere e decidere lui stesso, per non distorcere idee, impressioni, emozioni, portando il suo punto di vista e esprimendo i suoi sentimenti.

Ecco io vorrei essere un papà come Ganuan, vorrei essere un uomo come Sakumat.

A proposito ecco il passo del libro dove si conosce lo Stralisco:

Madurer, un giorno, cominciò ad aggiungere delle spighe sottili, dorate, che spiccavano nell’erba e spingevano, però non troppo, la loro cima nell’azzurro del cielo.

 – Non è grano? Però sembra grano: un grano sottile …
– Sì, è simile al grano. Ma sono spighe di stralisco.
-Stralisco? E’ una pianta che non conosco,

Nessuno lo conosce, – disse Madurer, – é una specie di pianta luminosa.
– Luminosa?
– Sì. Splende nelle notti serene. E’ una specie di pianta-lucciola, capisci? Noi adesso non la vediamo splendere, perché è giorno. Ma di notte illumina il prato.”

Ma sarà nello struggente dialogo finale tra padre e figlio che se si scoprirà cos’è veramente lo Stralisco …

… non so perché, ma a me è venuta in mente la rosa del piccolo principe …

Buona festa del papà.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)

Amo la mia copertina

Amo la mia copertina
Ambert Stewart- Layn Marlow
Valentina Edizioni

Briciola, una piccola coniglietta, si sente cresciuta ma non abbastanza da abbandonare la sua amata copertina. Sa che mamma e papà desidererebbero tanto che lei la abbandonasse, ma non si sente pronta. Briciola nasconderà la sua copertina in un posto segreto ma poi non la ritroverà più. Dovrà imparare a cavarsela da sola.

Briciola, una piccola coniglietta, si sente cresciuta ma non abbastanza da abbandonare la sua amata copertina. Sa che mamma e papà desidererebbero tanto che lei la abbandonasse, ma non si sente pronta. Briciola nasconderà la sua copertina in un posto segreto ma poi non la ritroverà più. Dovrà imparare a cavarsela da sola.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Banda di maiali

Banda di maiali Book Cover Banda di maiali
Mireille D'Allancé
Babalibri

È l’ora della merenda. Filippo fa i dispetti a Carlotta e Rocco ha una pessima mira. In sintesi, il tavolo si trasforma in un campo di battaglia culinaria. Il papà si arrabbia tantissimo e sgrida i suoi figli chiamandoli: «Banda di maiali!» E come per magia, le sue parole sono prese alla lettera: i tre bambini si trasformano in maiali! La storia prosegue attraverso un continuo cambio di sembianze dei personaggi fino ad arrivare a una trasformazione del papà che divertirà un sacco i bambini!

È l’ora della merenda. Filippo fa i dispetti a Carlotta e Rocco ha una pessima mira. In sintesi, il tavolo si trasforma in un campo di battaglia culinaria. Il papà si arrabbia tantissimo e sgrida i suoi figli chiamandoli: «Banda di maiali!» E come per magia, le sue parole sono prese alla lettera: i tre bambini si trasformano in maiali! La storia prosegue attraverso un continuo cambio di sembianze dei personaggi fino ad arrivare a una trasformazione del papà che divertirà un sacco i bambini!

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Il polpo e la bambina

Il polpo e la bambina Book Cover Il polpo e la bambina
Dan Yaccarino
Mondadori

Come si può resistere allo sguardo tenero e triste di un animaletto sperduto? Questo libro, dalle grandi e belle illustrazioni, è per i piccoli ma piace anche ai più grandicelli: racconta, in rima, di una bambina che accoglie in casa animali randagi e trovatelli e delle difficoltà del suo papà che ad un certo punto dice: “BASTA”….

Come si può resistere allo sguardo tenero e triste di un animaletto sperduto? Questo libro, dalle grandi e belle illustrazioni, è per i piccoli ma piace anche ai più grandicelli: racconta, in rima, di una bambina che accoglie in casa animali randagi e trovatelli e delle difficoltà del suo papà che ad un certo punto dice: “BASTA”….

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Hmm…

Hmm... Book Cover Hmm...
Colin McNaughton
AER

Il maialino Preston suggerisce al Lupo una serie di lavori che potrebbero aiutarlo a saziare la sua incontenibile fame. Il Lupo in realtà sta cercando in tutti i modi di imbrogliare lo stupidotto per papparselo, finché il papà di Preston fa cadere una grossa pentola sulla testa del Lupo, urlando "Il pranzo è servito!".

Il maialino Preston suggerisce al Lupo una serie di lavori che potrebbero aiutarlo a saziare la sua incontenibile fame. Il Lupo in realtà sta cercando in tutti i modi di imbrogliare lo stupidotto per papparselo, finché il papà di Preston fa cadere una grossa pentola sulla testa del Lupo, urlando “Il pranzo è servito!”.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)