Archivi tag: solidarietà

Grandi uomini Grandi sfide

L'incredibile viaggio di Shackleton Book Cover L'incredibile viaggio di Shackleton
William Grill
ISBN Edizioni

Una cosa cui ho sempre tenuto e tengo, è di incoraggiare i miei figli a ricercare, esplorare, scoprire il mondo, le società e l’uomo. Instillare la curiosità che ti porta a muoverti verso ciò che non conosci ancora. Consapevole delle sfide che ti attendono, ma deciso ad affrontarle nella consapevolezza che questo è “vivere”.
Guardare in alto, pensare in grande. Lanciare in alto i propri sogni e poi rincorrerli.
. C’è un mondo da esplorare al di là dei nostri orizzonti quotidiani, oltre le nostre abitudini. Montagne da scalare, oceani da navigare, deserti da attraversare, fiumi da risalire, foreste in cui addentrasi e distese di ghiaccio su cui scivolare. AAAh (respiro profondo e ampio …) fantastico!
Dite che mi sono fatto prendere la mano? Eppure ci sono storie capaci di far brillare gli occhi ad ascoltarle. Da far brillare gli occhi e muovere desideri. Da far brillare gli occhi, muovere desideri e sognare futuri possibili.
Parafrasando una famosa frase di un famoso film: E’ il fascino delle grandi sfide bellezza! La grandi sfide! E tu non ci puoi far niente! Niente!

Questa tempesta di emozioni e fantasticherie è ciò che ci è capitato leggendo questo bellissimo albo illustrato:

L’incredibile viaggio di Shackleton di William Grill, ISBN Edizioni

che narra le avventure, o meglio disavventure, della spedizione Endurance, partita pochi giorni prima dell’inizio della prima guerra mondiale e terminata nel gennaio 1917.
Io avevo sentito parlare delle imprese di Amundsen e Scott, ma non conoscevo Ernest Shackleton.
Eppure ha detto un altro esploratore britannico, Raymond Priestley,
« Datemi Scott a capo di una spedizione scientifica, Amundsen per un raid rapido ed efficace, ma se siete nelle avversità e non intravedete via d’uscita inginocchiatevi e pregate Dio che vi mandi Shackleton .»
Capite il tipo?

La storia della spedizione Endurance è illustrata da William Grill con una non comune capacità di un’illustrazione meticolosa, dettagliata, ricca di particolari (quasi sconfinando nella catalogazione) ma nello stesso tempo suggestiva, evocativa direi “inghiottiva” e ” rapitiva”.
Sembra di sfogliare il diario di un membro dell’equipaggio (forse James Wordie il geologo o Frank Hurley il fotografo…) pieno di appunti, pensieri, disegni, schizzi.

Grandi sfide

Man mano che ci si addentra insieme all’Endurance tra i ghiacci della banchisa scopriamo il fascino terribile dell’immenso.  Ci sentiamo attirati irresistibilmente da una forza che ci spinge ad andare avanti con loro: Ernest Shackleton, Frank Wild, il capitano Worsley e gli altri 24 membri della spedizione. Lanciamo i cani in una corsa entusiasmante sulla banchisa: Blackie, Rugby, Bummer e Hackenschmidt e gli altri 95. Cantiamo l’inno nazionale mentre fuori soffiano raggelanti e violenti tempeste. Marciamo con loro decisi a non fermarci. Li sentiamo resistere, soffrire, lottare aggrappati ferocemente alla vita, legati indissolubilmente gli uni agli altri. Fuggiamo con loro dalle insidie del ghiaccioch e verso la terraferma. E corriamo con oro sulla riva e urliamo di gioia quando il Capitano Shackleton torna, dopo aver navigato per 1000 km sul mare più burrascoso che ci sia e attraversato, in sole 36 ore, le impenetrabili montagne ghiacciate della Georgia del sud!
Torna. E li salva tutti.

Beh, non so voi, ma non c’è multisala che tenga…

Il libro termina con una frase di Ernest Shackleton: «Tra la vita e la morte, ho scelto la vita, per me e i miei amici…Credo che sia nella nostra natura esplorare, ricercare ciò che è sconosciuto. Il vero fallimento sarebbe non esplorare affatto.»

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

La guerra

La guerra Book Cover La guerra
Eric Battut
Città aperta

Una favola pacifista dove gli eroi sono proprio i bambini, per una volta non vittime dell'ottusità dei grandi e della guerra, ma protagonisti della riaffermazione dei valori della solidarietà e della convivenza pacifica delle diversità.

Una favola pacifista dove gli eroi sono proprio i bambini, per una volta non vittime dell’ottusità dei grandi e della guerra, ma protagonisti della riaffermazione dei valori della solidarietà e della convivenza pacifica delle diversità.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
in bocca al mostro

In bocca al mostro – Ti mangio!

Ti Mangio! Book Cover Ti Mangio!
John Fardell
Il Castoro

Giusto un anno fa leggevo per la prima volta ad un gruppo di bambini, come volontario Nati per Leggere. E proprio questa settimana riprende il nuovo anno di letture.
Se ricordo bene il primo libro che ho letto è stato questo:

Ti mangio! di John Fardell, Edizioni Il Castoro .

Ovvero come finire in bocca al mostro ma sopratutto come venirne fuori.
Si rivelerà poi il più richiesto dell’anno (il più letto, il più riletto, il più prestato). Ho visto che risulta anche l’albo illustrato più venduto del 2013 secondo Liberweb:
cliccate qui: http://www.liberweb.it/CMpro-v-p-1033.html

E’ la storia di Leo, che, durante una passeggiata nel bosco, finisce in bocca al mostro, che viene inghiottito da un mostro, che viene inghiottito da un mostro …
E di Sara che cerca di salvare il fratello e si lancia all’inseguimento dei mostri reinventando continuamente la sua bicicletta e trasformandola in ingegnosi apparecchi che avrebbero potuto trovare posto nei codici di Leonardo da Vinci.

Avvincente, davvero avvincente.

La storia dell’essere inghiottiti non è certo una nuova trovata
Pinocchio, Giona Il Barone di Münchausen e il soldatino di piombo furono inghiottiti da un pesce.
Eracle entrò nella bocca di un mostro marino e salvò Esione, sorella maggiore di Priamo che diventerà poi re di Troia (il più antico racconto di inghiottimento che si conosca)
Insomma una storia vecchia come il mondo.
Ma vi assicuro che il modo in cui Fardell l’ha reinventata e disegnata è proprio nuovo e inedito. Prendetelo in prestito o acquistatelo ne vale la pena.

Se volete saperne di più ecco una bella recensione:

http://libriemarmellata.wordpress.com/2012/10/07/ti-mangio-di-john-fardell-il-castoro/

oppure potete guardare la presentazione ufficiale su youtube:

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)