Archivi categoria: libri illustrati

Riconoscersi

Riconoscersi di nuovo – L’orso che non c’era

L'orso che non c'era Book Cover L'orso che non c'era
Oren Lavie e Wolf Erlbruch
edizioni e/o

La figura dell’orso, più di quella di ogni altro animale, è utilizzata dagli uomini per raccontare miti e leggende e storie. Se ci guardiamo intorno, tra libri (troppo lungo qui elencare anche solo quelli usciti nel 2014), cartoni animati (guardavate Yoghi e Bubu o Napo orso Capo?), film (come quello indimenticabile di Jean Jaques Annaud, ma anche il recentissimo Paddington) e pupazzi di peluche siamo letteralmente circondati da una moltitudine di orsi.

Come mai? Cosa ci troviamo nell’orso? Cosa ci comunica? Cosa riconosciamo in lui e tramandiamo da secoli? Googleando (o googlando?) per la rete ho trovato un bell’articolo del professor Franco Cardini (http://www.centrostudilaruna.it/simbolismodellorso.html) che tratta del simbolismo dell’orso.
Leggendo scopro che la simbologia dell’orso, nata tra i popoli nordici, è passata alla cultura greca. Famoso il mito di Callisto, trasformata prima da Artemide in un’orsa e poi da Zeus nella costellazione dell’orsa maggiore…

mito di donne, dee, orse e stelle…

(per inciso suo padre Licaone fu trasformato da Zeus in Lupo).
Dai greci è arrivata poi fino a nostri giorni, sfiorando la Bibbia e alcune leggende cristiane medievali.

Mentre scrivo mi torna in mente che qualche mese fa ho letto con il mio Francesco un classico della letteratura italiana del ‘900 come “L’invasione degli orsi in Sicilia” di Buzzati, i cui non c’è iù differenza tra uomini ed orsi.
Rimane indubbiamente interessante come questa figura, simpatica e feroce, familiare e primitiva continui ad esercitare una forte attrazione e si presti benissimo a sostituire l’essere umano nei racconti per bambini e ragazzi.

Tra i molti libri, con orsi come protagonisti, che ho acquistato negli ultimi 12 mesi, last but not least c’è questo:
“L’orso che non c’era” di Oren Lavie e Wolf Erlbruch, edizioni e/o

La storia è già particolare fin dall’inizio. Infatti racconta di un orso che nasce … da un prurito! In prurito che aveva bisogno di una grattatina.
Il prurito trova qualcosa di concreto cui appoggiarsi, un albero, e, mentre si gratta contro la sua corteccia, cresce e finché “…dove prima non c’era nessun orso, fece la sua comparsa un Orso che Non C’era!“.
E’ quello che capita anche noi, a pensarci bene, quando  nuovi “pruriti” , desideri, sogni, trovano un appiglio e iniziano a prendere forma a crescere, “incarnarsi”, e generano qualcosa di nuovo.
Dopo un sorriso di compiacimento (ma com’è reso bene da quel tratto rosso), la prima domanda che l’Orso che Non C’era si pone è: “Sono forse il primo o sono l’ultimo?”.
Già. Ciò che io sono ora, è per la prima volta ciò che sono veramente, o è solo l’ultimo di una serie di cambiamenti?  E’ l’ultimo nel senso del più recente oppure ce ne saranno ancora?

E’ il desiderio di ogni cammino di ricerca: scoprire chi siamo veramente. Cercare l’autentico sé.
Quando compare un nuovo “noi”, accanto alla sorpresa della novità sentiamo che questo cambiamento non ha cancellato ciò che siamo stati. Non è un punto zero. C’è un prima.

Cambiamo continuando a rimanere noi stessi (vecchio motto che non smette di accompagnarci nei nostri cammini di ricerca, fin dai primi frammenti dei filosofi presocratici)
Infatti l’Orso che Non C’era scopre di “avere una tasca” e, pescando dentro di sé, trova un pezzo di carta ripiegato con scritto: “Tu sei me?”.
La domanda delle domande. Qui formulata come se noi guardassimo questo nuovo noi stessi, come un essere separato, altro da noi:

Tu sei me?

Già … questo nuovo me stesso che compare davanti a me, sono sempre io? Come faccio a saperlo?
L’Orso che Non C’era, continuando a leggere il biglietto, scopre tre indizi, tre punti fermi che lo identificano.
Pesca dentro di sé, nel suo passato, ciò che permane, in ogni cambiamento: la sua identità.

Il desiderio di sapere se “lui è ciò che i tre indizi gli indicano” lo mette in cammino. Deve sapere.
E così l’Orso che Non C’è inizia un viaggio nella Fantastica Foresta alla ricerca dei tre indizi.
Sarà nell’incontro con l’Altro, nella storia sono altri animali che incontra nella foresta, che scoprirà la verità sui tre indizi. E’ solo nella relazione con l’altro che noi scopriamo la verità su noi stessi. Non c’è altra strada. Possiamo allenarci alle più sofisticate tecniche di meditazione, pensiero, analisi. Ma se stiamo da soli, se non viviamo incontri e relazioni, non scopriremo chi siamo.

Al termine di questo cammino nella Foresta Fantastica l’Orso che Non C’era ritrova la sua casa. Entra, si guarda allo specchio e sorridde.
Si ri-conosce.
E si vede ancora più bello di prima.

Non siamo noi a decidere di cambiare. La vita ci cambia continuamente.
Noi possiamo però porci delle domande e lasciarci portare da queste, metterci in cammino, alla ricerca di noi stessi.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Paura della morte

Non aver paura della morte

L'anatra la morte e il tulipano Book Cover L'anatra la morte e il tulipano
Wolf Erlbruch
E/O

"Già da molto tempo l'anatra aveva come un presentimento.
'Chi sei? E perché mi strisci alle spalle di soppiatto?' 'Bene, finalmente ti accorgi di me' disse la morte. 'Sono la morte.'
L'anatra si spaventò. Non la si può certo rimproverare per questo. 'E adesso vieni a prendermi?'".

Halloween, festa dei santi, festa dei morti.
Da qualunque punto si guardi questo evento (profano e festaiolo, religioso, commerciale, cinematografico, vacanziero e pontaiolo), al centro c’è lei: la morte. L’uomo ne ha riflettuto, scritto, cantato, poetato, dipinto, musicato, ritualizzato da millenni. Siamo letteralmente sommersi di opere d’arte che hanno come tema la morte.La temiamo così tanto che sentiamo il bisogno di rappresentarla in ogni modo. Ho provato a scrivere “Death” e “Life” su google: 1.650 milioni di risultati contro 1.670 milioni. Morte e vita ugualmente ricorrenti. Di solito vediamo la morte, spietata, crudele, inesorabile, incontrollabile, che non scende a patti, che trancia legami e relazioni e, alla fine ci strappa alla vita. La nostra società consumistica occidentale elimina la morte dall’orizzonte del vivere. la nasconde, apparta, confina, svuota, nega … dimentica …Meglio non parliamone con i nostri figli, non portiamoli al funerale, non andiamo al cimitero, non mostrare loro il nostro dolore per la perdita di qualcuno; invece facciamo loro vedere, leggere e ascoltare e vivere il più possibile cose allegre e divertenti. Insomma, trattiamo la morte come trattiamo gli spifferi di aria fredda dalle finestre, le formiche in cucina, le zanzare, i venditori porta a porta, lo spam … teniamola fuori dal nostro spazio vitale.

Oppure …
Oppure cambiamo completamente punto di vista, come per esempio ci suggerisce in modo teneramente sconvolgente questo libro:

L’anatra, la morte e il tulipano di Wolf Erlbruch, E/O

E’ una storia che racconta dell’incontro e dell’amicizia tra un’anatra e la morte. Amicizia? Sì, ho detto amicizia. La morte passa il tempo con l’anatra, parlano, giocano, si riposano, dormono insieme, e con una dolcezza e una tenerezza davvero toccante, è lì, è presente e tiene l’anatra tra le sue braccia, alla fine della sua vita. Non la strappa alla vita ma la accompagna, quasi l’aiuta a compiere l’ultimo atto della sua vita. Pensare alla morte come un’amica. Non avere paura della morte ma “giocarci” insieme. Cominciare a conoscerla e frequentarla già durante la nostra vita. Non evitarla, nasconderla, negarla bensì includerla naturalmente come parte di noi.
Essere intimi, complici con la morte (che non vuol dire necrofili) ma vederla come un tutt’uno con la vita, come il giorno e la notte non sono separabili e anzi si definiscono a vicenda. Esistono l’uno grazie all’altra. E come il giorno anche la notte ha il suo fascino. E come la notte anche il giorno ha il suo mistero.
In fondo, pensandoci bene, possiamo arrivare a dire che noi quando iniziamo a vivere iniziamo anche a morire. La morte non come un evento che ci accade ma come una relazione che si sviluppa … che sia questo il segreto per insegnare ai nostri figli ad apprezzare pienamente e gioiosamente la vita?

Per bambini, e genitori, alla ricerca di senso.

se volete ascoltare la lettura ad alta voce del libro, ecco qua:

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.0/5 (3 votes cast)

Amo la mia copertina

Amo la mia copertina
Ambert Stewart- Layn Marlow
Valentina Edizioni

Briciola, una piccola coniglietta, si sente cresciuta ma non abbastanza da abbandonare la sua amata copertina. Sa che mamma e papà desidererebbero tanto che lei la abbandonasse, ma non si sente pronta. Briciola nasconderà la sua copertina in un posto segreto ma poi non la ritroverà più. Dovrà imparare a cavarsela da sola.

Briciola, una piccola coniglietta, si sente cresciuta ma non abbastanza da abbandonare la sua amata copertina. Sa che mamma e papà desidererebbero tanto che lei la abbandonasse, ma non si sente pronta. Briciola nasconderà la sua copertina in un posto segreto ma poi non la ritroverà più. Dovrà imparare a cavarsela da sola.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Banda di maiali

Banda di maiali Book Cover Banda di maiali
Mireille D'Allancé
Babalibri

È l’ora della merenda. Filippo fa i dispetti a Carlotta e Rocco ha una pessima mira. In sintesi, il tavolo si trasforma in un campo di battaglia culinaria. Il papà si arrabbia tantissimo e sgrida i suoi figli chiamandoli: «Banda di maiali!» E come per magia, le sue parole sono prese alla lettera: i tre bambini si trasformano in maiali! La storia prosegue attraverso un continuo cambio di sembianze dei personaggi fino ad arrivare a una trasformazione del papà che divertirà un sacco i bambini!

È l’ora della merenda. Filippo fa i dispetti a Carlotta e Rocco ha una pessima mira. In sintesi, il tavolo si trasforma in un campo di battaglia culinaria. Il papà si arrabbia tantissimo e sgrida i suoi figli chiamandoli: «Banda di maiali!» E come per magia, le sue parole sono prese alla lettera: i tre bambini si trasformano in maiali! La storia prosegue attraverso un continuo cambio di sembianze dei personaggi fino ad arrivare a una trasformazione del papà che divertirà un sacco i bambini!

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Bau cerca fidanzata

Bau cerca fidanzata Book Cover Bau cerca fidanzata
Birger Koch
Bohem

Arriva l’inverno e il cagnolino Bau ha tanto freddo nella sua nuova casa: “Tu hai bisogno di una famiglia che ti riscaldi” squittisce la topolina Mina. “E per avere una famiglia devi cercarti in fretta una fidanzata.” Ma dove andare a cercarla? Inizia così una lunga ricerca: tra mucche, pecore, maiali e altri animali la scelta si rivelerà piuttosto difficile… Quando ormai ha già perso ogni speranza, sarà lui ad essere trovato non da una fidanzata ma da qualcosa di meglio!

Arriva l’inverno e il cagnolino Bau ha tanto freddo nella sua nuova casa: “Tu hai bisogno di una famiglia che ti riscaldi” squittisce la topolina Mina. “E per avere una famiglia devi cercarti in fretta una fidanzata.” Ma dove andare a cercarla? Inizia così una lunga ricerca: tra mucche, pecore, maiali e altri animali la scelta si rivelerà piuttosto difficile… Quando ormai ha già perso ogni speranza, sarà lui ad essere trovato non da una fidanzata ma da qualcosa di meglio!

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)